Nuovo pulsante agli eventi di Google Calendar: la chat di gruppo

Nuovo pulsante agli eventi di Google Calendar: la chat di gruppo

Google sta implementando le funzionalità del servizio Calendar, aggiungendo un nuovo pulsante agli eventi. La novità è fruibile su app per dispositivi mobili e da Web ed è finalizzata all’apertura, immediata e veloce, di una chat, in grado di includere tutti coloro che stanno partecipando ad un meeting.

Verso la metà del 2021, infatti, il colosso di Mountain View aveva già apportato modifiche ed aggiornamenti alla Chat. Ma le implementazioni non si sono arrestate e Google ha aggiunto altre funzionalità alla home page di Gmail, compresa un’applicazione di videoconferenze, “Mountain View Meet”. Il comando per attivare la chat si trova accanto alla lista dei partecipanti che presenzieranno ad un avvenimento presente nel calendario. Inizialmente, invece, Google permetteva solo l’invio di una mail ai partecipanti. Al contrario, ora, diventa possibile far partire una chat prima, durante o dopo la riunione con i partecipanti, usando una funzione, che si attiverà grazie alle “impostazione predefinite“. All’interno di un post pubblicato nel blog ufficiale, infatti, Google evidenzia che le chat di gruppo automatiche “si applicano solo ai partecipanti all’interno della tua organizzazione, i partecipanti esterni non sono inclusi nel gruppo di chat”.  Attraverso l’attivazione della chat, i partecipanti alla riunione eviteranno di vedersi recapitare messaggi anche al termine dell’incontro, poiché ogni discussione è stata affrontata in chat.

Ma le attività di BigG sono in pieno fermento. Infatti, da qualche tempo, Google si sta impegnando per aggiungere nuove funzionalità al telecomando virtuale, che è compreso nell’applicazione mobile di Google TV. E, visto che la pandemia ha bloccato per molto tempo i viaggi e gli spostamenti, gli sviluppatori di Mountain View ha aperto alla possibilità di effettuare gli acquisti dei biglietti per entrare e visitare alcuni momenti, direttamente attraverso la ricerca Google. E, a tal proposito, in una nota ufficiale, BigG ha affermato: “Ora, quando le persone cercano su Google attrazioni come la Tokyo Tower o la Statua della Libertà, vedranno non solo informazioni generali sul punto di interesse, ma anche link di prenotazione per l’ingresso di base e altre opzioni di biglietto, se disponibili. Nei prossimi mesi inizieremo anche a mostrare informazioni e link di prenotazione per esperienze in una destinazione, come degustazioni di vini a Parigi o tour in bicicletta in California.” Infine, precisano ancora da Mountain View, i gestori e i proprietaria potranno aggiungere anche i costi per l’entrata e fare pubblicità alla propria attività, ma senza dover effettuare spese in più. In questo modo, da Google giunge un supporto ed un aiuto per gli operatori messi in ginocchio dalla pandemia, visto che il turismo è stato uno dei settori più colpiti e in crisi.