Ping test: a cosa serve, come farlo online

Ping test: a cosa serve, come farlo online

Internet è ormai da tempo essenziale per ognuno di noi e ha stravolto completamente usi e abitudini delle persone. Esso progredisce di pari passo con le nuove tecnologie e, proprio per questo, è necessario sempre possedere un’ottima connessione per poter usufruire di tutti i vantaggi che garantiscono i dispositivi di ultima generazione. Tuttavia, può capitare di non avere una velocità eccellente nel caricamenti dei dati e, in queste situazioni, è importante sapere come comportarsi. Molti di voi avranno sicuramente già sentito parlare del ping e del test relativo ad esso. Acronimo di Packet Internet Grouper, il ping indica il ritardo della trasmissione dei dati sulle reti fisse e mobili. Proprio per questo motivo, risulta semplice comprendere che più è basso il valore numerico ad esso associato, più sarà veloce la vostra connessione ad internet. Ma quando sappiamo se è buono il ping che ha la nostra rete? Possiamo suddividere in categorie l’efficienza di esso:

  • 0-20 ms = eccellente
  • 20-40 ms = ottimo
  • 40-60 ms = buono
  • 60-80 ms = sufficiente
  • 80- in poi = insufficiente

Tuttavia, nel caso in cui si volesse procedere con queste valutazioni, è ovviamente necessario sapere come effettuare un test del ping. Quest’ultimo può essere svolto gratuitamente attraverso qualsiasi dispositivo. Alcuni di questi, presentano la possibilità di svolgere un test proprio all’interno delle proprie impostazioni, come, ad esempio, i computer Apple o le PlayStation 4. E non solo: se può interessare, fai il test della tua connessione a Internet per Netflix. Altri, invece, necessitano di piattaforme di terze parti. Per quanto riguarda i computer, basta digitare nel proprio motore di ricerca per trovare una grande vastità di siti che compiono questi passaggi. Uno dei migliori, è sicuramente Speedtest. Per gli smartphone, invece, basterà cercare sullo store e troverete immediatamente numerosissime app che permettono di svolgere questa funzione in maniera immediata. 

Ma come migliorare il ping? Esiste un modo? Certamente, ma non è un’azione che possiamo svolgere da soli, poiché avremo bisogno di fare una richiesta al provider di riferimento. Quindi sarà necessario trovare il numero, chiamare e cercare di ottenere un ping buono. Ma cosa bisogna chiedere all’operatore? A quest’ultimo sarà importante specificare che si vuole passare dalla linea interleaved a quella fast path. La differenza principale tra le due sta nel fatto che la prima compie un passaggio in più durante il trasferimento dati, ovvero controlla gli errori nell’invio dei pacchetti. Tuttavia, bisogna ricordare che, nonostante questo procedimento, può capitare di avere ancora un ping alto. Il consiglio, in questo caso è semplicemente quello di cambiare operatore.