Tablet Pixel di Google, e se avesse la stilo?

Tablet Pixel di Google, e se avesse la stilo?

Da qualche settimana, Google ha confermato che, ben presto, sarà lanciato un Pixel Tablet e, stando alle ultime notizie diffuse dal colosso di Mountain View, il device sarà dotato di un supporto allo stilo. Nonostante queste prime indiscrezioni, non c’è ancora una data certa per il debutto definitivo del dispositivo e, a tal proposito, si sa soltanto che il Pixel Tablet della Google potrebbe essere lanciato nel corso del 2023.

Tablet Pixel di Google: anticipazioni sulle caratteristiche tecniche

Infatti, nel corso dell’ultimo Google I/O 2022, i vertici Google hanno accennato al lancio di questo Pixel Tablet, annunciato per il prossimo anno, ma hanno mostrato solo qualche immagine e qualche sporadico widget. A qualche settimana dall’evento, invece, è giunta la conferma che il dispositivo prodotto dall’azienda di Mountain View sarà dotato di un grande display e, al momento, è in progettazione, con nome in codice “Tangor”, con iscrizione depositata presso il sito dello Universal Stylus Initiative (USI).

Ma la vera novità del prossimo Pixel Tablet della Google è la sua conformità ai criteri USI, tali da aprire la strada all’uso di uno stilo. L’USI è stata fondata con l’obiettivo di standardizzare le varie specifiche tecniche in merito alle penne attive”. Grazie a questa politica, tutti gli accessori dotati di questo standard presentano compatibilità con i device accreditati. Google ha aderito all’USI nel 2018, implementando alcuni Chromebook, compatibili con i criteri dell’associazioni. Ad oggi, i dispositivi sono dotati della “versione 2.0 con ricarica wireless tramite NFC”.

Grazie alla presenza di questo NFC come mezzo funzionale alla ricarica dello stilo, il device potrà essere caricato usando attraverso un wireless semplicemente collegandosi sul retro del tablet o in una qualsiasi porta presente sulla scocca.

Seppur manchino altre novità in proposito, Google ha accennato che il device sarà dotato del chip dell’azienda Tensor, che assicura performance eccellenti. Per di più, la presenza dello stilo indicherebbe come Google preveda un uso intensivo delle app, dedicate al lavoro e di proprietà dell’azienda di Mountain View, e l’implementazione con un sistema di Intelligenza Artificiale, utile per effettuare modifiche di livello alle foto.

Quali altri brand usano lo stilo per i loro tablet?

La presenza di uno stilo a corredo di un tablet rappresenta un valore aggiunto per l’utente e, allo stesso tempo, un’opportunità rara di cui poter fruire in relazione a questi device. Tuttavia, già la Apple propone l’Apple Pencil, completando i suoi modelli iPad, seppur sia necessario acquistare separatamente lo stilo. Quest’ultimo costa pari 99 euro per i device di Generazione 1, 135 euro per quelli di Generazione 2.

Dal canto suo, invece, Samsung, ha inserito un un pennino di piccole dimensioni all’interno del suo flagship. Se le anticipazioni ottenute venissero confermate e Google inserisse uno stilo insieme al suo Pixel Tablet, gli utenti avrebbero un motivo in più per effettuare l’acquisto. Ma sarebbe opportuno attendere nuove conferme e restare aggiornati, man mano che Big G condividerà notizie interessanti in proposito.