Tanti auguri iPod! Il lettore musicale Apple, compie 20 anni

Tanti auguri iPod! Il lettore musicale Apple, compie 20 anni

Il 23 ottobre 2001 sugli scaffali di tutto il mondo arrivò il primo lettore di file MP3 targato Apple, il famosissimo iPod, in grado di mettere “1000 canzoni in tasca” come recitava lo slogan pubblicitario. Questo dispositivo è stato in grado di rivoluzionare radicalmente il modo in cui è possibile fruire la musica quando si vuole, proprio come il walkman ha segnato gli anni Ottanta. 

Dopo 20 anni iPod è un prodotto per nostalgici, purtroppo quasi totalmente sostituito dagli iPhone, o da qualsiasi smartphone in generale, e dai tantissimi servizi di streaming musicale, ma è bene ripercorrere la storia di un prodotto che ha cambiato per sempre la percezione della musica. 

Nel gennaio 2001, qualche mese prima dell’uscita del primo iPod, Steve Jobs annunciò il lancio di iTunes, il “nuovo” software utile per acquistare i file musicali, organizzarli in cartelle e trovarli e riprodurli in maniera più veloce ed intuitiva. Questo sistema di gestione della musica per i dispositivi Apple ha segnato un’era fino al 2019, anno in cui è andato in secondo piano lasciando il posto a ben tre app differenti: una per la musica, una per i podcast e l’ultima Apple Tv. Insieme, iPod e iTunes hanno segnato il passaggio dalla musica analogica a quella digitale ed hanno contribuito alla realizzazione di una valida alternativa per contrastare il download illegale di file musicali da diverse piattaforme. 

Dalla prima generazione di vent’anni fa fino all’ultimissimo modello touch sono cambiate molte cose, specialmente le caratteristiche di design che vedono l’iPod sempre più simile ad un iPhone. Nonostante tutto, l’iPod ha saputo rinnovarsi anno dopo anno riuscendo a mantenere un design minimal ed elegante, con al centro una rotella di scorrimento per la navigazione e con una capienza, inizialmente, di 5 GB che poi è aumentata fino ai 256 GB dell’iPod Touch tuttora in commercio. 

Oggi l’iPod sembra quasi totalmente scomparso dal mercato, anche se è possibile acquistarlo nello store ufficiale Apple; questo è dovuto, in parte, al fatto che ormai è come se avessimo un iPod a disposizione all’interno di ogni smartphone e, dunque, risulta inutile comprare un altro dispositivo elettronico con delle funzioni che già sono disponibili nel nostro cellulare. Il primo modello non aveva la possibilità di collegarsi ad una rete Wi-Fi, per scaricare la musica c’era bisogno di collegarlo ad un personal computer, connettersi ad iTunes ed iniziare a trasferire i propri brani preferiti. Beh, di sicuro Apple ha fatto grandissimi passi in avanti con il tempo e da poco ha presentato il nuovo iPhone 13 che non sembra aver deluso le aspettative degli utenti.