YouTube è uno dei più grandi canali di disinformazione, secondo i fact checker

YouTube è uno dei più grandi canali di disinformazione, secondo i fact checker

14/01/2022 0 By fogliotiziana

YouTube diffonde informazioni sbagliate? Mercoledì 12 gennaio, più di 80 organizzazioni di fact-checking in tutto il mondo hanno inviato una lettera aperta alla direzione aziendale. Obiettivo: garantire che la filiale di Google adotti misure più efficaci per combattere le fake news. “Ogni giorno vediamo che YouTube è uno dei principali vettori di disinformazione online nel mondo“, puntualizza la lettera. Costituiti da media e ONG con sede in circa 40 paesi, i firmatari ora sperano di far cadere YouTube, accusato di non fare “grandi sforzi” per risolvere il problema.

Da parte sua, la piattaforma non vede le cose in questo modo. Nella sua risposta pubblica alle accuse, YouTube afferma di aver “investito molto in politiche e prodotti (…) per ridurre la diffusione di informazioni false“. Ma c’è da dire che negli ultimi anni il sito è diventato il luogo preferito di complottisti e di “spacciatori” di fake news. Tra teorie antitivax e video che chiedono il ritorno al potere di Donald Trump, i firmatari sono ora preoccupati per la “disinformazione dilagante“, in gran parte accelerata dalla pandemia.

Nonostante gli sforzi dell’azienda, che negli ultimi mesi hanno cancellato più di un milione di video, diversi documentari cospirativi sono ancora molto popolari e YouTube sta lottando per combattere i contenuti problematici. Alcuni mesi fa, il film Hold Up on the Covid-19 ha generato più di due milioni e mezzo di visualizzazioni, prima di essere definitivamente rimosso dalla piattaforma.

I fact checker affermano che YouTube deve inasprire le misure e prestare maggiore attenzione agli utenti che sono autori ripetuti di disinformazione. Inoltre, suggeriscono di intensificare gli sforzi contro la disinformazione in lingue diverse dall’inglese.