Apple CarPlay controllerà i sedili ed il climatizzatore delle automobili

Apple CarPlay controllerà i sedili ed il climatizzatore delle automobili

Apple è lavoro per implementare CarPlay perché si trasformi nel cuore pulsante dell’automobile, in cui trovare concentrate tutte le funzionalità. Ed insieme alle mappe e alla posibilità di effettuare chiamate, ora Apple CarPlay controllerà anche i sedili e il climatizzatore della vettura. E, ben presto, consentirà un reset della riproduzione del suono dagli speaker, oltre che molte altre funzionalità, da gestire direttamente attraverso il proprio iPhone.

L’anticipazione sulle implementazioni che Apple sta per lanciare è stata diffusa da Mark Gurman su Bloomberg, che fa riferimento anche ad programma interno all’azienda di Cupertino, denominato “IronHeart”. E, stando sempre alle indiscrezioni fornite dalla multinazionale statunitense dei mass media, questo progetto rappresenta la più grande innovazione ancora mai sperimentata nel settore da parte di Apple dal lancio di CarPlay nel 2015. Allo stesso tempo, il team di esperti di Cupertino avrebbe intrapreso un contatto con i più noti costruttori di automobili, al fine di rilasciare questa nuova versione di CarPlay nel comparto dell’automotive. A tal proposito, il colosso californiano pare seguire le orme di Google che, proprio recentemente, raggiungendo accordi con Polestar, Ford, Honda e GM, ha permesso a questi grandi marchi di usare “Android Automotive”, come centro operativo per il loro “sistema di infotainment”.

Apple sembra voglia fare un passo in più, emulando quanto già fatto da HomeKit. Quest’ultimo è un software del brand Apple “che consente agli utenti di configurare, comunicare e controllare elettrodomestici intelligenti utilizzando dispositivi omonimi. Fornisce, inoltre, agli utenti un modo per scoprire automaticamente tali dispositivi e configurarli”. Pertanto, l’azienda di Cupertino vuole mettere a disposizione delle API, a cui i diversi costruttori “possono accedere con vari livelli di supporto”, attivando i sensori disponibili all’interno dell’auto. Si crea una situazione per la quale su alcune automobili sarà possibile gestire i sedili, ma non il climatizzatore, su altre il contrario. Del resto, la situazione attuale già presenta questo scenario, con l’unica differenza per la BMW, che può fruire di Apple CarKey per accedere ai veicoli.

Gurman su Bloomberg, però, evidenzia un particolare importante e riguarda la privacy. Infatti, l’azienda di Cupertino non rileverà dati su chi guida o su chi fa uso delle funzioni relative all’automobile. E quest’avviso avrà di certo rasserenato i clienti attenti alla privacy e gli stessi costruttori. Inoltre, il progetto Apple e l’intenzione del colosso di Cupertino di realizzare una propria auto, la Apple Car, a guida autonoma, non sono un segreto neppure per le case automobilistiche. Seppur manchi una data precisa per la presentazione del lancio di queste nuove funzionalità, si prevede come dalle stanze del team californiano possano essere pronti ad un annuncio almeno entro fine anno, vista anche la precisione nei dettagli che Gurman ha usato nel realizzare il suo articolo sull’argomento.