Bitcoin Bitcoin 3.31% $33686.87
3.31%
22694.83 BTC $632131354624.00

Google continuerà a farsi i fatti i tuoi fino al 2023

Google continuerà a farsi i fatti i tuoi fino al 2023

06/07/2021 0 By fogliotiziana

Google rinvia la rimozione dei cookie al 2023

Google ha appena comunicato l’intenzione di posticipare la rimozione dei cookie alla fine del 2023, con ben 2 anni di ritardo rispetto alla roadmap iniziale. Lo scorso marzo, infatti, il colosso di Mountain View aveva annunciato che avrebbe bloccato i cookie di terze parti su Chrome dal 2022.

La tecnologia dei cookie è impiegata nel settore pubblicitario da molto tempo per monitorare le abitudini di navigazione sul web e inviare annunci mirati agli utenti. Con l’iniziativa della Privacy Sandbox, Google aveva reso noto di voler rinunciare alla profilazione individuale, sul solco di altri concorrenti, tra cui Apple, che già da tempo ha introdotto strumenti anti-tracciamento nel browser Safari.

La decisione tuttavia, non è stata accolta favorevolmente dal mondo dell’advertising. Non bisogna dimenticare, infatti, che Chrome è il browser più utilizzato nei Paesi occidentali, con una penetrazione che va dal 65% al 90%. Azzerare i cookie di terze parti quindi, avrebbe decretato la fine di un modo di fare pubblicità online molto diffuso, che sta conquistando quote sempre crescenti di investimenti, tanto da surclassare, in alcuni Paesi, anche la televisione come mezzo principale di massa.

A monte della decisione del rinvio, come ha spiegato Google, c’è la volontà di sviluppare nuove tecnologie che mettano tutti d’accordo: pubblicitari, editori e Autority che vigilano sulla privacy. Pochi giorni fa, infatti, la Commissione UE ha avviato una nuova indagine antitrust su potenziali pratiche anticoncorrenziali di Google sul fronte pubblicitario, in particolare sulle presunte attività di concorrenza sleale nell’utilizzo dei dati degli utenti e degli inserzionisti in favore del proprio Marketplace.