Questi sono i punti salienti della Guida introduttiva Google alla SEO

Questi sono i punti salienti della Guida introduttiva Google alla SEO

22/06/2021 0 By robertafroio

Prima di cominciare a parlare della guida di Google alla SEO e di come possa aiutarvi a migliorare il vostro sito Web per la vostra utenza, per migliorare l’esperienza dei vostri utenti, è importante fare delle premesse. Inoltre il vostro utente principale è Google, il motore di ricerca, quest’ultimo cerca di implementare la possibilità che gli altri possano trovare il vostro sito

Cos’è la SEO?

Quindi per SEO (Search Engine Optimization) intendiamo l’insieme di attività che fanno capo all’ottimizzazione per i motori di ricerca, in questo modo migliorerà la visibilità dei siti web che sono all’interno dei risultati di ricerca.  Diventa fondamentale conoscere i “segreti” della SEO per non dover spendere dei soldi in Ads al fine di migliorare il posizionamento del proprio portale.

Come funziona Google?

Il funzionamento esatto dell’algoritmo di Google è ignoto a chiunque, la certezza di posizionare il proprio sito web tramite l’uso di parole chiave non vi può essere fornita. Passiamo quindi a spiegare il funzionamento di questo motore ricerca tramite queste fasi:

  • scansione o crawling: intendiamo qui il processo mediante il quale i programmi specializzati di Google, detti crawler, scansionano il web alla ricerca di nuovi contenuti.
  • indicizzazione: durante la fase di raccolta il processo di archiviazione dei dati all’interno del data center comincia. 
  • posizionamento o ranking: intendiamo la fase un cui vengono mostrati all’utente i risultati di una ricerca. L’ordine dipenderà dai fattori di posizionamento. 

Data la numerosità delle guide SEO che circolano all’interno del web, Google ha pensato di fornire ad ogni utente la loro guida ufficiale. I punti sono numerosi quindi all’interno di questo articolo troverete i punti salienti; mettetevi comodi. 

  • Google deve trovare i vostri contenuti

Per portare Google sul vostro sito dovete fare in modo che lo trovi ed il modo migliore è inviare una Sitemap; s’intende un file sul sito che comunica ai motori di ricerca le pagine che siano nuove o anche modificate. Inoltre Google trova i portali anche tramite i link presenti in altri siti web.

  • Google e gli utenti devono comprendere i vostri contenuti

Nel momento in cui Googlebot esegue una scansione di una pagina dovrebbe visualizzarla come qualsiasi altro utente. Quindi se volete ottenere un rendering e un’indicizzazione ottimali dovrete consentire a Googlebot di accedere ai file in formato JavaScript, CSS e anche alle immagini utilizzate dal tuo sito web. Se ciò non avviene il rendering e l’indicizzazione del vostro portale ne saranno compromessi. 

  • La navigazione del sito web

Questo aspetto è estremamente importante perché aiuta gli utenti a trovare rapidamente i contenuti che gli interessano. Ma non è solo importante per questi ultimi, lo è anche per Google e per i motori di ricerca in quanto riescono a capire quali contenuti sono considerati importanti dal proprietario del portale.

  • Ottimizzare i contenuti

Questo punto ne comprende molti altri in quanto ci sono molti aspetti da ottimizzare all’interno di un sito web. Per prima cosa i contenuti stessi: dovranno essere interessanti in modo tale da attirare gli utenti e far partire il passaparola. Per poter creare determinati contenuti dovrete conoscere e scoprire gli interessi degli utenti, soprattutto dovrete pensare a quali termini utilizzeranno all’interno delle loro ricerche. Se il vostro portale sembrerò affidabile gli utenti saranno più propensi a visitarlo e a leggere i vostri contenuti, la reputazione gioca un ruolo importante. In ultima istanza la pubblicità non dovrà distrarre i vostri lettori e soprattutto non dovrà impedire loro di leggere i vostri contenuti