Lamborghini ha lanciato la sua prima collezione di NFT, tutto quello che c’è da sapere

Lamborghini ha lanciato la sua prima collezione di NFT, tutto quello che c’è da sapere

Anche Lamborghini ha deciso di fare il suo esordio nel settore dei Non Fungible Token. Da qualche tempo, infatti, il noto brand italiano di automobili ha annunciato che aprirà un’asta e vi inserirà un complesso di  NFT, progettati e sviluppati, grazie alla partnership con un artista svizzero, Fabian Oefner, con NFT Pro e con Sotheby’s. Il token non fungibile, lanciato dal brand automobilistico italiano, mostra una Lamborghini, che si divide, mentre tenta un volo nell’ignoto dello spazio. I ben informati hanno sottolineato che questo rappresenta un NFT caratteristico della Lamborghini, più curato e dall’aspetto più professionale. Non mostrando i caratteri amatoriali di altri Token Non Fungili, di certo, verrà messo in vendita per un prezzo importante.

Sarà proprio la home page del sito Lamborghini e dedicata agli NFT ad ospitare l’asta per il primo dei cinque Non Fungible Tonek. Ogni evento d’asta avrà una durata di 75 ore e 50 minuti, lo stesso tempo che Apollo 11 impiega per decollare dal suolo terrestre ed entrare nell’orbita lunare. All’interno della descrizione dell’iniziativa targata dalla Lamborghini si legge che, agli esordi del progetto, “Oefner ha studiato meticolosamente i piani ingegneristici della Lamborghini Aventador Ultimae e ha creato uno schizzo accurato di come sarà la fotografia finale”. E, così, basandosi proprio su quella prima bozza, hanno continuato a spiegare i membri del team della casa automobilistica italiana, “Lamborghini ha preparato tutte le parti e i componenti necessari per una Ultimae pronta per la produzione. I pezzi sono stati poi fotografati da Oefner e dal suo team in uno studio fotografico improvvisato proprio accanto alla linea di produzione presso lo stabilimento Lamborghini di Sant`Agata Bolognese”.

La descrizione messa a disposizione dalla Lamborghini evidenzia che, quando l’esperto ha fatto ritorno negli Stati Uniti, dove vive nei pressi di New York City, ha mescolato le tante immagini nella composizione pensata nella bozza. Dal canto loro, Oefner e il suo team hanno realizzato questo brevetto, apparentemente immediato “come un battito di ciglia” in ben due mesi. Oltre a questo NFT della macchina che si disintegra quando vola verso lo spazio, Lamborghini venderà anche un set di chiavi spaziali in fibra di carbonio che, nel 2020, aveva già inviato alla Stazione Spaziale Internazionale nell’ambito di un progetto di ricerca. Insieme a quello dell’automobile che si distrugge mentre prende la via orbitale, anche questo Token Non Fungibile rappresenta uno dei più belli mai visti. E, di certo, assicurano i ben esperti, entrambi verranno venduti ad un prezzo davvero importante.