Microsoft chiude LinkedIn in Cina

Microsoft chiude LinkedIn in Cina

15/10/2021 0 By fogliotiziana

LinkedIn chiude i battenti in Cina…

Abbiamo preso la decisione di porre fine alla versione locale di LinkedIn in Cina“, ha annunciato giovedì Microsoft. Nel 2014, l’azienda ha lanciato una versione di LinkedIn su misura per i requisiti del governo cinese. 7 anni e qualche censura dopo, la piattaforma professionale ha deciso di porre fine a questa applicazione.

Come ha spiegato Microsoft: “Non abbiamo riscontrato lo stesso livello di successo negli aspetti più social della condivisione e dell’informazione. Ci troviamo anche di fronte a un ambiente di lavoro molto più duro e requisiti di conformità più elevati in Cina, ha spiegato LinkedIn“.

La pressione esercitata dal governo sulle società straniere (ancora di più quando provengono dagli Stati Uniti) ha avuto la meglio sulla piattaforma. Lo scorso marzo del restol, ‘authority cinese che vigila su internet aveva imposto ai vertici di LinkedIn di regolare meglio i propri contenuti, dando loro 30 giorni di tempo.

Microsoft ha dichiarato che la chiusura di LinkedIn entrerà in vigore entro la fine dell’anno. Una decisione che la dice lunga, dal momento che il network professionale è stato l’ultimo colosso tecnologico americano ancora presente in Cina.

Ci sarà una nuova app per aiutare i professionisti cinesi? Per continuare ad aiutare le aziende e i professionisti a trovare lavoro, Microsoft lancerà una nuova piattaforma chiamata InJobs, una sorta di bacheca internet del lavoro, dove sparirà ogni aspetto social. Questa piattaforma soddisferà meglio i requisiti del governo cinese, poiché non includerà feed social, né la possibilità di scambiare messaggi o condividere articoli, opinioni e storie.

Insomma, i 54 milioni di ex utenti LinkedIn non potranno più interagire tra loro come prima, ma solo candidarsi alle offerte di lavoro.

Lo sapevi che su LinkedIn si possono scrivere e pubblicare articoli?