TikTok sarà il prossimo concorrente di Alibaba nell’e – commerce in Cina

TikTok sarà il prossimo concorrente di Alibaba nell’e – commerce in Cina

Nelle ultime settimane, Douyin, la versione cinese di TikTok, ospita trasmissioni di shopping in live, incentivando gli utenti locali a fare acquisti direttamente dalla piattaforma streaming. E, così, il trend, lanciato per la prima volta proprio dal colosso cinese dello shopping online, Alibaba nel 2016, sta sconvolgendo le principali attività di Alibaba stesso, di Taobao e della piattaforma più chic di Tianmao. Gli analisti del mercati hanno effettuato uno studio e, dalle loro previsioni, si evince che il valore dei beni venduti tramite l’e – commerce in livestream raddoppierà, toccando quota 313 miliardi di dollari; allo stesso tempo, lo shopping online classico crescerà del 15%. Ad inaugurare questa nuova tendenza, accanto all’impegno profuso da Alibaba, si aggiungono gli sforzi delle due app di condivisione video, al momento le più conosciute e fruite in Cina, Kuaishou e Douyin, di proprietà di ByteDance. Mentre queste due ultime piattaforme stanno crescendo, Alibaba sta lottando contro l’autorità antitrust, che tenta di metterne a rischio il monopolio e l’alto numeri di clienti che vanta, circa 782 milioni. Alibaba, infatti, ha percepito come il suo incremento sia stato insidiato da “condizioni di mercato più deboli”.

Alibaba, dal canto suo, detiene ancora il monopolio dell’e-commerce in Cina, ma la sua quota di mercato si sta pian piano riducendo, poiché le piattaforme rivali stanno approfittando degli interventi messi in atto dagli enti regolatori. Questi, infatti, hanno sanzionato il colosso del commercio elettronico con una multa record di $ 2,8 miliardi ad aprile con l’accusa di aver ostacolato “la concorrenza leale nella vendita al dettaglio online, costringendo così i commercianti a vendere esclusivamente sulle sue piattaforme”. A tal proposito, Daniel Zhang, presidente e amministratore delegato di Alibaba, ha evidenziato un decremento nel settore delle vendite di abbigliamento. Come risposta al momento di crisi, Zhang ha assicurato agli investitori che Alibaba stava formando un maggior numero di influencer. L’impegno messo in campo dall’azienda leader del commercio online in Cina, per contrastare la concorrenza di TikTok nel settore degli acquisti in rete, è stato notato dagli stessi acquirenti. E proprio uno dei clienti più affezionati ha affermato: “Alibaba si metterà al passo con il cambiamento dei gusti dei consumatori” perché, ha proseguito, “un’azienda così grande non starà seduta ad aspettare di morire”.

Intanto, nonostante il momento di decremento, Alibaba ha il vantaggio di essere una piattaforma presente online da anni, avendo mostrato sempre affidabilità, efficienza e capacità di coordinare al meglio le catene di approvvigionamento e i servizi di logistica. Su questo versante, invece, i venditori di Douyin, incluso Dong, sono stati accusati di perseguire false promozioni e di aver rifiutato di prendere i resi. Pertanto, Douyin sta lavorando per conquistare la fiducia dei consumatori, attivando un fondo di protezione in grado di risolvere le problematiche tra il venditore e l’acquirente e di eliminare dalla sua piattaforma tutti quei prodotti problematici.